Menu Chiudi

Guida alle MIGLIORI BOTTEGHE E ALIMENTARI del Salento

La lista che mancava

E’ vero, purtroppo non si può andare al ristorante, ma possiamo comunque avere la qualità che troveremmo nei nostri posti del cuore. In che modo? Acquistando prodotti d’eccellenza, locali e non. Per facilitarvi le cose abbiamo deciso di riunire i migliori alimentari del Salento in un articolo, mescolando giovani attività e botteghe storiche.

Per occasioni speciali o per coccolarsi

Recandovi nei posti che stiamo per segnalarvi potrete rendere magico un giorno qualunque, togliervi uno sfizio, portare una chicca ad una festa, una cena importante oppure un regalo ad una persona cara o anche solo a voi stessi. Perché, come scriveva Virginia Woolf, “uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene“. E su questo siamo tutti d’accordo.

CIBORE’ ( via Gioacchino Toma, 47 Galatina)

Punto di riferimento per chi cerca delle chicche rare da portare in tavola. Sugli scaffali belli e ordinati di CiboRé troverete, solo per citarne alcuni, la storica cioccolateria Bodrato e il re del Cioccolato Domori, taralli, biscotti e pasta di grano Senatore Cappelli e Saragolla coltivati nelle campagne di Nardò dall’Azienda Agricola Cosimo Chiriasi e i migliori mieli d’Italia, i “Mieli Thun“.

Salumi

E’ al banco salumi e formaggi che il titolare Marino, da grande appassionato quale è, dà il meglio di sé in fatto di ricerca ed eccellenza. Parliamo di salumi del calibro di Giò Porro (avete mai sentito parlare della celestiale bresaola di Wagyu?!), di Santoro per l’incredibile capocollo, del crudo di Sauris IGP, del salumificio artigianale Cacciali per il culatello di Zibello DOP e di Artigianquality, che rappresenta l’eccellenza e l’artigianalità della mortadella.

Formaggi

Qui i formaggi sono una vera sciccheria. Alcuni esempi: la feta Arvanitis stagionata in botti di faggio, il caciocavallo podolico stagionato dell’Az. Agr. Colantuono, fatto a mano come una volta, e il “Portocereja” del maestro affinatore Elio Testa, un erborinato ed infiltrato al vino Porto con ciliegie di Vignola.

Marino è inarrestabile, e infatti va ben oltre tutto questo ben di Dio e lo fa con il caviale Adamas, il salmone “Coda nera” Riserva, con la selezione pregiata del salmone affumicato artigianale a marchio UpStream di Claudio Cerati o con i tartufi neri e bianchi d’Alba (esclusivamente su prenotazione!). Solo nel periodo di Natale, segnatevelo, trovate anche i cappelletti fatti a mano del pastificio modenese “Pasta fresca da Vanda“.

FIORENZA SALUMERIA FORMAGGERIA (via Giuseppe Mazzini, 11 Parabita)

Uno scrigno di eccellenze

Ad arricchire le vostre tavole di prodotti eccellenti ci pensa Giorgio della “Salumeria e Formaggeria Fiorenza“. Salumi insoliti come il lardo spalmabile speziato, una mega bomba! Nella “to shop list” non possono mancare i formaggi di raffinata qualità, provenienti da tutto il territorio italiano, francese e britannico. Impossibile andar via senza aver acquistato, su tutti, lo scioglievole Montbriac, il Brie de Meaux a latte crudo dal sapore deciso ma dolce, e il “re dei formaggi” Blu Stilton DOP, erborinato inglese dal sapore forte e pungente, per amanti dei formaggi level pro ;).

Valore al territorio

Tra gli scaffali di Fiorenza trovano posto le conserve di rinomati marchi salentini come “Vizzino“, “I Contadini“, “Nonna Lena” e “Carlino“; la pasta di Benedetto Cavalieri; le salse della “Salseria” di Cellino San Marco; le farine del Mulino Maggio e le tisane Sandemetrio.

Da non perdere

Ma il titolare Giorgio, che ama sinceramente il cibo, non poteva fermarsi al Salento, e così ha inserito anche marchi di eccellenza artigianale come il conservificio “La giardiniera di Morgan“, da assaggiare almeno una volta nella vita; il peperone Crusco di Senise, croccante e infinitamente saporito, la gustosa pasta di Gragnano del Pastificio Gentile; Armatore, il miglior produttore di tonno rosso e delle migliori alici di Cetara e le speciali salse tartufate di Acqualagna Tartufi.

Inoltre sono disponibili su prenotazione anche tartufi neri e bianchi!

ANTICA SALUMERIA DEL CENTRO (via Vittorio Emanuele III, 2 Melissano)

L’ Antica Salumeria del Centro di Luigina Cortese e del marito Rossano, a Melissano, è la mecca di buongustai ed estimatori gastronomici pugliesi e non. L’interno della bottega è super curato e ricco di prelibatezze molto ma molto invitanti.

Scoperte a gogò

Per via delle numerose scoperte fatte in questa salumeria, abbiamo deciso di ribattezzarla “la bottega della prima volta”, quella in cui abbiamo scoperto l’aceto di miele (e voi sapevate della sua esistenza?!); l’olio Oilalà, pluripremiato a livello mondiale e utilizzato da numerosi chef stellati; i funghi porcini sott’olio del laboratorio artigianale ligure “Santamaria“; la diabolica crema di lampascioni “Gusto del Salento”; il nuovo progettoToday di delizie artigianali, come la “crema cu lle mandorle baresi“, made in Salento; il vincotto di “TerraeApuliae, i formati speciali di pasta di Gragnano e i liquori artigianali, frutto di antiche ricette pugliesi di “Essentiae Salento“. E chissà quante altre chicche scopriremo quando CITORNEREMO!

Alimentari Renato Chiuri (via Savoia, 18 Tricase)

Quanti prodotti gastronomici d’eccellenza in questo alimentari storico ma sempre al passo con i tempi e i brand di tendenza!

Da cosa partiamo?

Dal fornitissimo scaffale delle chips gourmet. I nomi sono le tanto chiaccherate Patatas Nana e le chips San Nicasio, queste ultime fritte in olio evo e salate con sale rosa dell’Himalaya.

Ma c’è qualcosa che richiama la nostra attenzione…

E’ il banco salumi. Sì, perché i salumi sono il vero tocco magico di questo alimentari: ce ne sono infinite tipologie e stagionature. Impossibile non elencarvene alcuni: la bresaola senza nitriti e nitrati Giò Porro, Cecina de Leòn, bresaola di asino. Tutti i salumi di suino e suino nero, a sua volta nelle sue infinite varietà (calabrese, il siciliano dei Monti Nebrodi, la Mora Romagnola, la Cinta Senese) trionfano orgogliosi in vetrina e sul banco!

Rimaniamo incantati

E (quasi) incapaci di scegliere. Altra specialità che ci conquista è la nduja veramente artigianale di suino nero: non aspettatevi il classico sapore e colore rosso. Questa è tutta un’altra storia!

E non basta

Da Renato è disponibile anche il paté di fegato d’oca, semplicemente sublime; i mieli rari di Puglia; i pistilli di zafferano e la fonduta con tartufo dell’Azienda Brezzo; il riso San Massimo, Acquerello e La Pila; la pasta Monograno Felicetti, il cotto di carrube e i dolci tradizionali come la pasta di mandorle “Alda.

Specialità della casa? i prezzi onesti.

Su richiesta e quando il periodo lo permette tartufi bianchi e neri d’Alba.

Il salumiere di Bizio Alberto (via Marco Emilio Scauro, 100 Scorrano)

Alberto è specializzato in salumi. Poiché spesso si tratta di salumi provenienti da piccole aziende che lavorano artigianalmente, la disponibilità è limitata e va a periodo e a rotazione. Se un giorno trovate il prosciutto istriano, non è detto che ci sarà la volta successiva, piuttosto sarà disponibile il crudo di Norcia. Ma tranquilli, il banco è continuamente rifornito di proposte interessanti e, qualsiasi affettato sceglierete il vostro tagliere a casa vi ringrazierà!

Salumi e oltre

L’attenzione non è riservata solo al momento dell’aperitivo o agli antipasti di un eventuale menù completo. Per un primo piatto che si rispetti, serve la giusta pasta o il giusto riso. Da Alberto trovate Di Martino, il Pastificio toscano Morelli con i suoi formati regionali, come la frégula sarda, i pici senesi e i paccheri napoletani, e il riso Riserva San Massimo. Per secondi di carne e di pesce che hanno bisogno dei giusti condimenti, da Alberto sono esposte le salse (al pepe verde, tonnata, tartufata, senape) di Brezzo. Per concludere una cena o un pranzo al top abbiamo notato tra gli scaffali della goduriosa frutta secca nel miele, sempre di Brezzo, il cioccolato criollo Domori e le creme spalmabili Babbi.

Passalorto (Piazza Giuseppe Verdi, 11 Lecce)

Focus sulle eccellenze locali

Da Passalorto si riscoprono i sapori di una volta, grazie alla genuinità delle materie prime presenti in bottega come la verdura di stagione e a filiera corta, l’olio, la pasta e la salsa di Donna Oleria, i notevoli legumi di Zollino di Calò e Monte, i prodotti da forno del Panificio Palumbo e i formaggi della Masseria Cinque Santi di Vernole. I salumi Santoro e la mozzarella di bufala del Caseificio salernitano Barlotti sono una garanzia e da Passalorto sono quasi sempre disponibili.

Le New Entry

Ma qui si scoprono anche sapori nuovi grazie ad un lavoro meticoloso di ricerca dei migliori produttori della zona. Merita una menzione il salentino Friscous, stretto parente del cous cous, ma molto più versatile, che vede il suo impiego sia in cottura che a crudo per dare gusto, croccantezza e colore a piatti freddi e insalate. Poi ci sono le fantastiche salse artigianali della Salseria che hanno il loro angolino fisso. E se siete fanatici di frutta e frutta secca non potete farvi scappare frutti esotici come i kiwi, la feijoa e le noci pecan dell’Az. Agr. Sirgole di Cutrofiano, importati e coltivati in Salento da ormai tantissimi anni, incredibile ma vero! Infine una novità in anteprima, Passalorto inserirà molto presto prodotti a base di pastanaca della Cooperativa Sociale I.P.A.D Mediterranean, occhio!

Per abbattere le distanze, Passalorto si è attrezzato con il suo e-commerce dove troverete tutti i marchi presenti in bottega e da cui potrete fare acquisti comodamente da casa.

La dispensa-negozio di vicinato (viale Francesco Lo Re, 79 – Lecce)

Rievocare il passato

La dispensa è drogheria e negozio di prodotti enogastronomici e per l’igiene della casa e della persona, sfusi e alla spina. Il titolare Paolo ci tiene particolarmente ad evitare il più possibile lo spreco, cercando di ridurre al minimo gli imballaggi. Alla base del suo progetto c’è anche la scelta della naturalità e la voglia di ricreare un ambiente familiare e informale che ricordi le botteghe d’un tempo, dove c’è sempre tempo e modo per scambiarsi un sorriso, anche sotto la mascherina!

Sfusi e ancora sfusi

Tra gli sfusi legumi, caffè, e tisane. Una parete a parte per cereali, semi, spezie, altri vari ed eventuali sapientemente organizzati e suddivisi in: colazione e merenda/ semi e “ndori” varie/ dolce e un po’ salato/ un mondo di spezie (ci penserà Paolo a darvi ricette e tips per utilizzarle al meglio).

Dal dolce

Soddisfare la voglia di dolciumi non è mai stato così facile con l’angolo delle caramelle Leone e del cioccolato e latte di mandorla dell’azienda nostrana Maglio.

All’ambiente e alla persona

In dispensa non troverete solo tanti ingredienti da mettere in tavola, ma anche ciò che serve per creare un’atmosfera rilassante, come le candele del laboratorio artigianale leccese Kiio, e per la cura di noi stessi con i cosmetici naturali artigianali di Mirodìa di Calimera.

N.B. In questo momento è chiuso per riorganizzare il tutto. Riaprirà il 1 febbraio 2021.

Terre e Valori alimentari (via Vittorio Emanuele II, 33 Galatina)

Marina studia Scienze Naturopatiche e nel 2019 ha voluto aprire quello che definisce “un angolo di benessere“. La sua è una bottega incentrata prevalentemente su prodotti sfusi, scelta volta a contenere costi e sprechi.

Siamo ciò che mangiamo

Marina lo sa bene, ed è per questo che seleziona accuratamente i produttori. La sua bottega, pur essendo piccolina, racchiude un po’ di tutto. Legumi di Cosimo Chiriasi e cereali locali, frutta secca, tisane, spezie, pasta, farine e prodotti da forno della Casa delle Agriculture di Castiglione, prodotti di Canapa, olio, sott’oli, creme, marmellate, miele e caramelle a base di miele dell’Azienda Lathe Biosas, frutta e ancora tanto altro.

Per i piccoli bongustai

Siamo rimasti piacevolmente colpiti dai prodotti di una linea baby-food biologica, quella di Pralina di Melpignano. Perché è importante che la consapevolezza del mangiare bene si formi già nei primi anni di vita.

Anche trattamenti

Una porzione del negozio è dedicata ai trattamenti manuali di naturopatia effettuati da Marina!

La Cava Verde Bottega (Piazza del Sole, 15 Calimera)

Dai campi alla bottega

La Cava Verde vende tutto ciò che produce la sua stessa Azienda Agricola: olio extravergine d’oliva, inserito nella lista dei migliori oli della Guida Slow Food, e frutta, verdura e legumi, la cui coltivazione in biologico e a km0 ha permesso all’Azienda di far parte della rete di Campagna Amica.

Carne, uova e latte provengono dall’allevamento-etico-dei loro animali. I loro formaggi sono naturali e senza l’aggiunta di fermenti. In particolare la ricotta e il “cremino” sono da urlo e ve li straconsigliamo.

Ammiriamo la scelta di proporre solo aziende e prodotti nuovi o poco conosciuti, ma indubbiamente genuini e nutrienti. Vogliamo segnalarvi, tra i loro fornitori, un capisaldo pugliese, l’Azienda Agricola Pietrasanta, con la sua straordinaria salsa di pomodoro fiaschetto e gli strabilianti fichi secchi mandorlati; il “Tonno Colimena“, pescato perlopiù nelle acque del Mediterraneo e con metodi di lavorazione tradizionale; la pasta superporosa di Casa Marella di Gioia del Colle; la selezione di birre artigianali crude e con malti no-ogm dell’azienda brindisina Gruit e la nuova linea di topinambur e zafferano del Salento coltivati da “Utilità Marginale“, un progetto di filiera agricola biologica e sociale.

Un clamoroso esempio di come ci si rinnovi e si faccia bene è Lilith, il ristorante della Masseria Copertini di Vernole, che ha dato vita al nuovo progetto “La Mattrabanca“, una linea di stuzzicherie, sott’aceti, succhi, conserve e dolciumi artigianali salentini che potrete trovare anche qui, a La Cava Verde e che vi conquisteranno con la loro bontà, così come è successo a noi!

—————————

Che ne dite di questa carrellata di eccellenze? Avete altri negozi di alto livello da segnalarci? Fatelo pure nei commenti!

Posted in Eccellenze, Italia, Salento