Menu Chiudi

Sushi a Milano? Saka Bar. Una meravigliosa scoperta

All’inseguimento dello chef Yoshikazu Ninomiya 

Ricordate il famoso ristorante Osaka di Milano? Lo chef che lo rese celebre, si spostò poi al Fukurou, trasformandolo in uno dei migliori ristoranti giapponesi di Milano. Gli amanti del sushi sapranno certamente di cosa stiamo parlando.

Bene, abbiamo appena scoperto che lo stesso chef si è spostato ancora!

Stiamo parlando di Yoshikazu Ninomiya, maestro specializzato nella Kaizeki, un tipo di cucina in cui vengono servite una raffica di piccole portate, create come un gioco di relazione tra colori, sapori, e consistenze differenti.

Ma noi vogliamo il salmone!

Anche se ormai in Italia l’offerta di piatti tradizionali giapponesi è molto variegata noi dobbiamo ammettere che impazziamo letteralmente per salmone e tonno crudi. Anzi, ci interessano più di tutto il resto. Perciò siamo sempre alla ricerca del sushi della città.

Gli appassionati conosceranno di certo il Fukurou di Milano, e sapranno che non rispondono mai al telefono. Ma non tutti sapranno che da meno di un anno questo ristorante ha cambiato politica: niente più sushi, solo cucina Kaizeki, con il Ramen a fare da protagonista. Una scelta radicale ma giustificata: il Ramen sta spopolando in tutto il mondo, e lentamente anche a Milano.

SAKA BAR 2038: la grande scoperta

Per fortuna però lo stesso proprietario del Fukurou da pochi mesi ha aperto un nuovo locale nella stessa zona. E’ lì che il maestro Ninomiya dà ancora la possibilità di degustare il suo incredibile sushi.

Stiamo parlando del Saka Bar, in Via Marghera 51.

Ovviamente ci siamo fiondati a provarlo e, sperando di non offendere il maestro armato di coltelli, abbiamo ignorato il menù richiedendo l’unica nostra droga legalizzata: il sushi.

Il salmone e la ventresca di tonno che abbiamo mangiato ci hanno regalato brividi ed emozioni.

Non abbiamo dubbi: sono tra i migliori nighiri che abbiamo mai provato.

Ma la nostra droga è molto cara, perciò che #citorneremo è sicuro, ma non prima di aver fatto i conti con le economie 🙂

E voi che ne pensate? Avete da consigliarcene di migliori?

 

Fabio&Ilaria

 

Posted in Italia, Sushi